Pannelli fotovoltaici: sono davvero la risposta alla crisi energetica?

I pannelli fotovoltaici di ultima generazione sono una risorsa energetica non indifferente, ma saranno davvero loro a portarci fuori dalla crisi?

pannelli fotovoltaici
Adobe Stock

Il conflitto in Ucraina e le relative mancanze energetiche introducono pensieri di risparmio energetico nella mente di milioni di cittadini che non sanno come poter uscire da questa crisi.

Una delle risposte a questa crisi sono i pannelli fotovoltaici che sfruttano una risorsa “infinita” come il Sole e, soprattutto, non soggetta ad alcun tipo di variazione né di prezzo né di sostanza.

Pannelli fotovoltaici: vantaggi e svantaggi

Tra guerra, sanzioni, crisi energetiche e chissà cos’altro ci riserva il futuro, è arrivato il momento di pensare a possibili soluzioni alternative soprattutto per quanto riguarda l’indipendenza energetica.

L’installazione di pannelli fotovoltaici ha diversi perché: innanzitutto sono a zero emissioni, il che significa che a parte il costo iniziale di installazione si riuscirà a rientrare nella spesa abbastanza in fretta. Se si possiede un contatore bidirezionale, inoltre, sarà possibile “rivendere” l’energia elettrica prodotta in eccesso e con la fonte inesauribile di energia che è il Sole possiamo stare sicuri che non finirà da un giorno all’altro.

Gli aspetti “negativi” dell’installazione di pannelli fotovoltaici si fanno più evidenti quando il consumo di energia elettrica che si fa è davvero minimo e quindi le spese iniziali di installazione dei pannelli avranno bisogno di più tempo per rientrare dai costi. Poi c’è la questione climatica da tenere in considerazione; se non si abita in zone in cui il sole è presente per gran parte dell’anno sarà molto difficile raggiungere la cosiddetta potenza di picco. Inoltre nelle ore serali non ci sarà alcuna produzione di energia e la manutenzione dei pannelli non è esente da costi considerevoli.

Tipi di pannelli fotovoltaici

Quando pensiamo all’installazione di pannelli fotovoltaici per la nostra abitazione dobbiamo tenere presente i vari kit al momento disponibili sul mercato.

Abbiamo i pannelli monocristallini costruiti con celle di silicio, i policristallini le cui celle sono formate da pezzi di silicio riciclato e infine abbiamo i pannelli solari di ultima generazione inBiPV technology i quali possono essere addirittura integrati nello scheletro dell’edificio.

Un’altra differenza sostanziale quando prendiamo in considerazione l’idea di installare un impianto fotovoltaico sarà quella di sceglierlo con o senza accumulo. In sostanza l’accumulo è una sorta di batteria che si ricarica con l’energia non utilizzata dei pannelli solari e che poi può essere riutilizzata nelle ore serali. Al contrario, gli impianti fotovoltaici senza accumulo possono utilizzare l’energia prodotta solo nell’immediato e non può essere conservata in alcun modo.

Un impianto con accumulo è sicuramente la scelta migliore in quanto offre una vera e propria riserva energetica da utilizzare nel momento del bisogno ma, come tutte le cose che offrono qualcosa in più, il costo di installazione di un accumulo non è del tutto indifferente.

Pannelli fotovoltaici: installazione e manutenzione

Installare un impianto fotovoltaico non è un’impresa complicata. L’unica accortezza da avere è che il tetto dell’abitazione che si sta trattando sia quantomeno solido, che non presenti segni di cedimenti esterni o interni, e che sia orientato preferibilmente verso Sud, evitando il Nord.

Nella pratica verranno rimosse le tegole dove andranno posizionati i pannelli e una membrana impermeabile che, attraverso l’utilizzo di binari, collegherà tutto l’impianto. Il tetto è solo l’esempio più pratico ma in realtà i pannelli fotovoltaici possono essere installati anche in giardini, orti, terrazze, camper, ecc.

Per quanto riguarda la manutenzione è molto importante pulire ogni tanto i pannelli. Se l’impianto si trova in punti difficili da raggiungere sarebbe meglio rivolgersi a qualche ditta specializzata nella pulizia di pannelli fotovoltaici. Se invece l’impianto è posizionato in un punto raggiungibile sarà necessario munirsi di un panno e una miscela di acqua demineralizzata, aceto e sapone.

Pannelli fotovoltaici: i costi

I costi relativi all’installazione di un impianto fotovoltaico sono relativi alla metratura quadrata dell’impianto stesso. Per fare un esempio, per raggiungere i 3kW di energia utilizzabile ci sarà bisogno di un impianto fotovoltaico tra i 21 e i 27 mq di pannelli solari.

Per l’acquisto di un pannello fotovoltaico di ultima generazione ci vogliono mediamente 2.000 euro al kW, dunque per acquistare un impianto fotovoltaico da 3kW saranno necessari circa 6.000 euro. Questo prezzo, però, è scevro dei costi di installazione o di accumulatori a batteria.

È anche vero, però, che questi prezzi dipendono molto dall’offerente e le varie offerte proposte dai fornitori per l’installazione di kit completi. Nel 2022, per realizzare un impianto fotovoltaico da 3 kW con accumulo ci vogliono tra i 5.500€ e i 12.500€.