Inps annuncia 3mila nuove assunzioni, selezioni aperte a chi non ha il diploma: come candidarsi

Cresce l’entusiasmo per quella che potrebbe essere occasione imperdibile per migliaia di aspiranti giovani lavoratori italiani: Inps cerca 3mila dipendenti da collocare nel suo vasto organico, negli uffici da Nord a Sud, per ricoprire la posizione di call center.

E’ di certo una buona notizia, che non può passare inosservata ai nostri giovani che cercano in questo momento una collocazione che possa dare serenità, a se stessi e alle famiglie. Non è un caso che tutto questo avvenga in un momento in cui la crisi economica incombe più che mai e getta nubi oscure sull’immediato futuro delle nuove generazioni.

inps-assunzioni
adobe

Una notizia nella notizia, che potrebbe piacere a molti, è che addirittura non è necessario il diploma per ricoprire determinate posizioni che l’Inps richiede per coprire queste posizioni.

Del resto stiamo parlando dell’Inps, del nostro organismo simbolo dedicato alla previdenza sociale.

Non deve sorprendere che i primi a offrire opportunità di lavoro siano proprio loro.

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale aprirà quindi una selezione pubblica per assumere nuove risorse da impiegare nell’assistenza agli utenti. Entro il 2023, sono previste ben 3 mila assunzioni come addetti al contact center. Il bando sarà aperto anche a chi non ha il diploma, è ufficiale.

Il contact center INPS gestisce, in media, 22 milioni di contatti umani e 5 milioni di contatti automatici. Per potenziare il servizio agli utenti, l’Istituto ha programmato una maxi campagna di reclutamento. L’obiettivo è selezionare il personale da assumere come addetti contact center: si tratta di circa 3.000 posti da coprire. Il reclutamento sarà finalizzato a selezionare nuovi operatori che dovranno erogare:

  • servizi di call center;
  • servizi informativi multimediali;
  • servizi multicanali dell’Istituto.

Non si tratta di un vero e proprio concorso pubblico, bensì di una selezione. Come detto, non sarà necessario possedere un titolo di scuola superiore.

La selezione infatti si baserà sulle competenze dei candidati. Il tutto avverrà valorizzando le pregresse esperienze professionali maturate sia all’interno del contact center INPS che nell’ambito di servizi simili di call center.

Non dimentichiamo che l’Inps, “in piena tempesta perfetta”, apre la strada a grandi opportunità per incentivare, da parte delle aziende, assunzioni di nuove leve. Più incentivi alle imprese per aumentare le opportunità di lavoro per i giovani. Almeno in linea di principio, questo è l’obiettivo del Programma di Garanzia Giovani, con assunzioni di giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni. In questo momento la strada da seguire è questa per uscire dal tunnel.