IMU, possibile esenzione anche per doppio immobile? Ecco la risposta

In questo articolo vedremo tutte le novità introdotte quest’anno per quanto riguarda l’esenzione IMU sulla prima casa.

imu
Adobe Stock

Anche nel caso si possiedono immobili in comuni diversi, l’esenzione IMU sulla prima casa sarà applicabile solo ad uno di essi e le relative dinamiche andranno decise all’interno del nucleo familiare.

Di recente è stata approvata una norma che sancisce la scelta del nucleo familiare riguardo l’applicazione dell’esenzione IMU nell’ipotesi in cui i componenti della famiglia decidano di stabilire la dimora e la residenza in case diverse.

Esenzione IMU: le novità del 2022

All’interno della legge di bilancio 2022 è stato inserito un decreto fiscale che contiene la norma relativa all’esenzione IMU in caso di doppio immobile.

Nell’articolo 5 del decreto-legge n.146 del 2021 si determina la definizione di “abitazione principale” come l’immobile nel quale una persona abita in modo stabile con i componenti del nucleo familiare e abbiano tutti la residenza. La legge precedente 160/2019, comma 741, lettera b (Manovra 2020) prevedeva invece che nel caso di possesso di due immobili nello stesso Comune, l’esenzione potesse essere applicata sola alla prima casa, scelta da nucleo familiare stesso.

Secondo quanto stabilito dalla circolare numero 3/2012 del dipartimento delle Finanze invece, se gli immobili erano ubicati in comuni diversi si poteva applicare l’esenzione IMU ad entrambi. Dopo un paio di ordinanze della Cassazione (numero 4166 e 4170) che escludevano l’esenzione ai componenti di un nucleo familiare che vive in due immobili ubicati in comuni diversi, la legge ha stabilito in seguito che l’esenzione poteva essere applicata solo ad uno dei due immobili.

Il decreto fiscale contenuto nella legge di Bilancio 2022 va a modificare il testo del comma 174, lettera b della legge n.160/2019: “Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale o in comuni diversi, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile, scelto dai componenti il nucleo familiare”.

Ricordiamo che la norma non è retroattiva e che sono i componenti del nucleo familiare stesso a decidere in autonomia a quale immobile posseduto applicare l’esenzione IMU.