Monete vecchie lire: l’esemplare che può valere fino a 6mila euro

Le monete vecchie lire sono ormai cadute nel dimenticatoio e sono sempre più difficili da reperire. Alcune però allo stato attuale hanno un valore piuttosto importante

Si tratta di pezzi che hanno fatto la storia del paese e che in determinati casi possono comportare dei guadagni che non vanno per niente sottovalutati.

Monete vecchie lire
Fonte Adobe Stock

Sono esattamente 20 anni che la lira è sparita dalla circolazione lasciando spazio all’euro. Un lasso di tempo per certi verso lungo ma per altri piuttosto breve. Infatti è già passato il tempo necessario per far elevare il valore di alcune monete e banconote. Al contempo in un ventennio è piuttosto plausibile che alcune persone abbiano conservato qualche esemplare, magari per motivi affettivi.

Gli appassionati del genere e i più lungimiranti invece lo hanno fatto per ben altre ragione, ovvero per collezionismo e per cercare di guadagnare qualcosina nel corso del tempo. Per questi ultimi infatti la fase è piuttosto propizia a patto che tra i loro reperti ce ne siano alcuni risalenti a molti anni fa.

Monete vecchie lire: ecco quale pezzo può essere remunerativo

10 lire
Fonte web

Una delle monete più probabili da rinvenire a casa propria spicca quella da 10 lire che è andata in disuso già prima dell’avvicendamento con l’euro. In passato venivano utilizzate per gli ascensori, ma al contrario di quanto si possa pensare, rappresentano un pezzo di storia della cultura italiana. 

L’esemplare che potenzialmente può valere di più è la 10 lire del 1946, coniato appunto nell’immediato periodo post bellico. L’Italia era pronta a rilanciarsi economicamente e socialmente per questo la zecca iniziò a produrre delle monete (che ai tempi avevano un maggiore potere d’acquisto) con un lato il ramoscello d’ulivo e dall’altro un cavallo alato. 

In ottime condizioni può arrivare a valere fino a 6mila euro, in pratica il costo di una vacanza di lusso o in crociera o per i più sedentari di un bene come uno scooter o un’auto usata. Insomma un piccolo capitale che di certo non può lasciare indifferenti. Quindi, fare una ricontrollata in vecchi mobili o scatoloni non è per niente una cattiva idea. Anzi, con un pizzico di fortuna potrebbe cambiare radicalmente le prospettive.