Risparmiare sulle bollette? Striscia la Notizia ha scoperto un trucco infallibile

Il famoso programma di Antonio Ricci ha dato risalto ad un invenzione tutta italiana che potrebbe permettere un sostanziale risparmio di energia

striscia la notizia
Adobe Stock

Uno dei personaggi storici di Striscia la Notizia, Capitan Ventosa, è da sempre in giro in costume in cerca di strane novità del nostro territorio e che a volte lasciano davvero a bocca aperta.

Questo è il caso dell’ultimo servizio del famoso programma satirico in onda su Canale 5 che questa volta ci porta alla scoperta di un modo assolutamente incredibile per risparmiare energia elettrica.

Striscia la Notizia: come risparmiare energia elettrica

Severino Biava è un uomo italiano che dichiara di aver inventato uno speciale macchinario che servirebbe a ridurre il consumo di energia elettrica.

Con i rincari sulle bollette che non sembrano arrestarsi, il conflitto in Ucraina e una situazione economica mondiale ai minimi storici, l’invenzione di Biava potrebbe “tamponare” il vuoto lasciato dagli accordi con la Russia per quanto riguarda l’energia elettrica nel nostro Paese.

Secondo quanto riportato da Striscia la Notizia, il signor Bavia è riuscito a costruire un macchinario in grado di ridurre il consumo di energia elettrica, arrivando ad un risparmio massimo di addirittura il 60%. Il fulcro della sua invenzione sta nel fatto di far lavorare i lampioni pubblici delle strade in maniera graduale.

In pratica la potenza massima erogata dalla lampadina di un lampione, 230 Watt, viene abbassata a 160 Watt con un aumento e una diminuzione graduale nel tempo. Bavia ha anche dichiarato di aver già sperimentato la sua macchina in 38 comuni diversi e sempre con risultati positivi.

Lo stesso inventore non si spiega come sia possibile che la sua invenzione non abbia ricevuto la giusta attenzione politica, in particolar modo in un momento storico come questo per la nazione. “Un comune di 6mila abitanti spende intorno ai 70mila euro, con l’utilizzo di queste macchine si spenderebbe intorno ai 30mila, forse anche qualcosa in meno. Quindi si risparmiano soldi pubblici, soldi nostri”, ha dichiarato l’inventore ai microfoni di Striscia.

Negli ultimi giorni anche il sindaco di Bari aveva esposto una richiesta simile. Il primo cittadino aveva infatti chiesto al governo di permettere alle amministrazioni locali di utilizzare i regolatori di potenza e ridurre l’illuminazione su strada.