Bollo auto, scattano nuove agevolazioni in diverse Regioni: chi ne ha diritto

Bollo auto, eccoci di fronte ad una delle tasse certamente meno amate dagli italiani. Seconda, forse, solo all’inviso canone Rai, che rimane stabilmente al primo posto tra i “pagamenti” che fanno decisamente alzare la pressione sanguigna e la rabbia ai cittadini di casa nostra.

Lo sapevi che il pagamento delle tasse della propria autovettura dipende da normative prettamente regionali?

bollo auto
Adobe Stock

Possiamo scoprire insieme che in tanti territori di casa nostra, da qualche anno, i vari Governi locali hanno sposato a piene mani la politica legata alle vetture a bassa emissione. Hai un’auto elettrica o un ibrido? Hai deciso di dire addio al “demone benzina” che di questi tempi tormenta sempre di più le nostri notti insonni? Vuoi finalmente rottamare la tua vetusta auto?

Sono tante le regioni che ti agevolano sul bollo auto, addirittura alcune ti consentono di non pagarlo affatto per un lungo periodo di tempo.

Il governo della Lombardia, in primis, offre un aiuto per chi “decide di rottamare” veicoli inquinanti e un’esenzione dal pagamento della tassa di circolazione per chi acquista auto nuove o usate che rispettano il criterio Euro 5 o 6 e sono alimentate con sistemi bi-fuel o ibridi.

L’iniziativa si inserisce nelle politiche regionali, a partire dal 2019, per la tutela della qualità dell’aria e la lotta all’inquinamento e contribuisce alla riduzione del particolato e degli ossidi di azoto secondo i limiti imposti dalle legislazioni nazionali e comunitarie.

Nell’ambito di tale programma, il governo assegna un bonus di 90 euro per la rottamazione di veicoli inquinanti (moto, camion, auto appartenenti alle norme Euro 0, 1, 2 e 3).

Inoltre, offre un’esenzione triennale dal pagamento della tassa di circolazione ai conducenti che acquistano (o acquistano in leasing finanziario) auto private a carburante pulito se, nello stesso anno, un veicolo inquinante viene rottamato.

I veicoli green devono essere alimentati da sistemi bi-fuel (GPL/benzina o CNG/benzina) o ibridi (benzina/elettrico, GPL/elettrico o CNG/elettrico), appartenenti alla categoria M1 (destinati al trasporto passeggeri, non avendo più di otto posti), conforme alla norma sulle emissioni Euro 5 o Euro 6.

Stando a quanto previsto dall’ACI, nel 2022 non saranno tenuti a pagare il bollo auto i residenti in Abruzzo; CampaniaFriuli Venezia Giulia; Lazio; Liguria; Sardegna; Sicilia; Umbria e Valle d’Aosta. Rientrano nell’esenzione anche i cittadini della Provincia Autonoma di Bolzano, ma solo in presenza di veicoli destinati ai disabili; elettrici o con alimentazione esclusiva a GPL o gas Metano o ibrida.