Nuovo scandalo alimentare in Europa, ci sono già due decessi: attenzione a questo prodotto

Buitoni Francia Gruppo Nestlé deve affrontare una nuova pesantissima accusa dopo la seconda gamma di pizze sospettate di contaminazione con i terribili e infausti ‘E. batteri coli’. Il caso sta alzando un polverone in tutta l’Europa, non solo in terra transalpina. E la paura adesso “regna sovrana”.

Nelle scorse settimane, una donna è stata ricoverata in ospedale a Perpignan, sei giorni dopo aver consumato una pizza Buitoni Bella Napoli. L’analisi ha rivelato palesemente la presenza del batterio ‘Escherichia coli’, il batterio di patologie gravissime e mortali.

scandalo alimentare
Adobe Stock

Non ci sono più dubbi di sorta sul “legame” stabilito tra le pizze Fraîch’up del marchio Buitoni (Nestlé) e una serie di casi mortali di contaminazione da batteri Escherichia coli (E. coli) in bambini francesi (2 decessi accertati e 14 persone intossicate). Una nuova denuncia è stata presentata a Perpignan contro Buitoni da una donna che si è ammalata dopo aver mangiato una pizza di fascia diversa da quella già finita nell’occhio del ciclone.

Scandalo pizze contaminate Buitoni Francia: ricoveri, decessi e paura

Una madre ha consumato una pizza della linea Bella Napoli il 27 marzo ed è stata ricoverata in ospedale il 29 marzo per sei giorni. Lo ha riferito Debuisson. “I risultati del test hanno rivelato la presenza di batteri Escherichia coli”, ha detto. Si tratta della stessa contaminazione legata alla gamma dei prodotti Fraîch’Up e ad un altro terribile batterio, Shigella.

La madre 34enne vive a Perpignan ed è ancora “costantemente provata fisicamente, un mese dopo essere stata contagiata. Mercoledì ha presentato una denuncia per “lesioni involontarie”. Lo ha confermato il suo legale. Due giorni dopo aver mangiato la pizza, la madre ha manifestato una serie di sintomi (dolore al basso ventre, vomito e febbre). Tutto questo prima di essere ricoverata in ospedale e sottoposta a morfina. “Non ho mai provato un dolore così”, ha detto a BFM-TV.

Il marito ha contattato Buitoni per chiedere il ritiro della pizza senza ottenere risposta. Quindi ha contattato il dipartimento sicurezza e qualità alimentare, che ha semplicemente detto di aver passato le informazioni all’ARS, agenzia sanitaria regionale, che sta già rappresentando diverse altre famiglie colpite nelle ultime settimane da questo scandalo.

Come noto, l’azienda Buitoni è al centro di uno scandalo di vasta portata in Francia dopo la morte di due bambini e il ricovero di 14 persone presumibilmente causate dalla pizze “Fraîch’Up”, commercializzate dall’azienda e contaminate dal terribile batterio Escherichia coli.