Ikea ritira alcuni prodotti dal mercato, attenzione a questi alimenti contaminati

Il colosso Ikea, come noto, oltre a vendere prodotti per la casa, dall’arredamento agli accessori di ogni tipo, ha anche le sue ramificazioni nel food. Le confetture Ikea piacciono al pubblico e durante la spesa, negli ipermercati di tutto il mondo, sono un ottimo “diversivo”.

Qualcosa, però, con le marmellate Ikea non sta funzionando a dovere. Si tratta della marmellata di fragole. Alcuni lotti sono stati preventivamente ritirati dal mercato.

Ikea alimenti
Adobe Stock

Prima la Nutella, con lo scandalo Ferrero, e i casi di salmonella nel cioccolato Kinder. Poi ecco Buitoni Nestlè Francia, con le pizze addirittura contaminate da Escherichia Coli. In questo caso la situazione è ancora più grave, visto che sono morte due persone e che, a quanto pare, le infezioni non si sono placate.

Gli “scandali alimentari” non smettono di tormentare l’Europa, compresa anche l’Italia. E naturalmente di mettere palesemente a rischio anche la salute delle famiglie. Soprattutto perché si tratta di prodotti di uso comune, ai quali ormai siamo abituati nel quotidiano, entrati nelle nostre vite. Fanno parte di aziende che godono di credibilità e di appeal verso il pubblico da sempre. E quanto sta accadendo fa sorgere quesiti di non poco conto.

Oltre tutto si tratta spesso di frutti del nord europa, la cui bontà è apprezzata dai gourmand di tutto il Vecchio Continente.

Questa volta qualcosa è andato storto. E potremmo immaginare si tratti di omessi controlli. Per fortuna per Ikea non sono state le autorità della salute ad accorgersene, ma è stata l’azienda stessa a ritirare preventivamente un lotto di prodotti. 

Secondo un avviso importante di IKEA alcuni lotti di marmellata di fragole bio Sylt Jordgubb da 400 g sarebbero contaminate da pezzi di plastica provenienti dai vassoi usati nella raccolta dei frutti. I lotti ritirati hanno scadenza 2023-03-01, 2023-03-02, 2023-03-03 e 2023-03-28. 

L’azienda comunica che i clienti possono riportare le marmellate dei lotti specificati nei negozi Ikea e anche senza scontrino ricevere il rimborso completo.

Marmellata di fragole “contaminata”: Ikea corre ai ripari e ritira i prodotti

Le riflessioni sono doverose. Come è possibile che durante la raccolta dei frutti, avvenuta negli splendidi scenari scandinavi, siano finiti pezzi di contenitori di plastica all’interno dei vasetti.

Certo, una grande azienda non può far altro che ammettere l’errore, scusarsi con i suoi affezionati clienti e sperare che la credibilità non sia compromessa. Soprattutto augurarsi che nessuno possa avere avuto conseguenze da tutto ciò.