Vuoi vendere il tuo oro per fare cassa? A cosa devi fare attenzione

L’oro è sempre stato e sempre sarà uno “straordinario e immancabile compagno di viaggio”, in particolare nei momenti difficili e di crisi. Ogni qual volta i Governi di tutto il mondo hanno dovuto affrontare le “turbolenze” delle crisi economiche, il prezioso metallo ha rappresentato uno straordinario salvagente. 

Più aumentano e si fanno pesanti, come fardelli, le difficoltà della collettività, più naturalmente si ricorre all’oro per “fare cassa”, per ottenere liquidità. Naturalmente esiste una differenza sostanziale tra l’oro nuovo e quello usato, il discorso è profondamente diverso, quasi opposto.

Prezzo oro
Fonte Pixabay

Inevitabilmente, nei momenti di crisi profonda e acuta, le famiglie, le giovani coppie, gli studenti che non arrivano a fine mese, sono costretti a vendere i propri ricordi preziosi, verso i quali, negli ultimi decenni, si è generata una vera e propria disaffezione. 

Partiamo dall’oro puro, dall’oro nuovo. Marzo 2022, siamo quindi pochi mesi fa: in questo periodo si registra il più alto prezzo dell’oro dall’agosto 2020. Siamo al picco assoluto più recente.

Attenzione, però, ci sono diversi fenomeni che ostacolano la crescita dell’oro.

Molti paesi occidentali stanno cercando di imporre varie sanzioni contro la Russia e le materie prime che esportano stanno registrando i maggiori guadagni. Questi includono petrolio, gas, nichel, rame e, naturalmente, oro.

In realtà, tuttavia, il metallo giallo non ha visto l’entità dei guadagni che hanno sperimentato questi altri mercati. 

Non sempre per l’oro i momenti sono idilliaci, lo dimostra l’instabilità del mercato. Solo pochi mesi prima, per capirci, nell’agosto 2021, l’oro aveva vissuto settimane a dir poco tormentate.

Gli analisti americani spiegavano la caduta dell’oro relazionandola con il rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti più forte del previsto, nonché a una corsa all’acquisto del dollaro in risposta.

I prezzi dell’oro e il biglietto verde hanno una relazione inversa. Man mano che il dollaro diventa più forte rispetto ad altre valute, i prezzi dell’oro diminuiranno man mano che diventerà più costoso in altre valute, spingendo al ribasso la domanda.

Tuttavia c’è un altro fenomeno che rischia di far perdere veramente tanto al valore del metallo giallo. Si tratta di quello che potremmo definire come un vero concorrente, i titoli di Stato.

I Bond iniziano a diventare più appetibili perché hanno rendimenti notevolmente più elevati. Dunque con i Bond che diventano sempre più interessanti e sempre più appetibili l’oro finisce per avere un concorrente non da poco. Infatti oggi i Bond cominciano davvero a rappresentare una valida alternativa al metallo giallo.