Conto in banca, non tutti lo sanno ma esiste un limite che non va mai superato

Il conto in banca è uno strumento ormai sempre più diffuso, ma deve sottostare necessariamente a determinati limiti condizioni

Cosa bisogna sapere a riguardo per evitare problemi con la banca e soprattutto che scatti la macchina di controllo dell’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia.

Conto in banca
Fonte Adobe Stock

Possedere un conto corrente non significa solo avere degli privilegi, bensì anche degli oneri a cui bisogna tassativamente adempiere. Sono fondamentali per la corretta gestione dello strumento attraverso cui possiamo usufruire i nostri risparmi.

Un aspetto importante a cui badare è quello del limite dell’importo dei prelievi, che viene regolato in maniera differente da ogni banca. Al contempo però se si supera una certa soglia mensile potrebbero insorgere delle problematiche con lo UIF, ovvero l’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia, che ha il compito di contrastare il riciclaggio di denaro. Vediamo nel dettaglio a cosa fare attenzione.

Conto in banca: perché non bisogna superare un determinato limite

Qualora si vada oltre si va ad approfondire per cercare di capire se dietro si celano eventuali operazioni dubbie. Passando al limite di prelievo giornaliero le sanzioni scattano solo per i pagamenti con contanti superiori a 2000 euro. Quindi non solo applicabili al conto in quanto tale.

Decisamente più semplice è la situazione dei versamenti. Anche nel momento in cui ci si ritrova a depositare una cifra alta di contanti sul conto è sufficiente specificare la causale in merito per non attirare attenzioni e soprattutto sospetti.

Situazione completamente diversa per quanto concerne i bonifici. Essendo delle transazioni completamente tracciabili, qualsiasi movimento viene gestito in maniera autonoma. Di fatto se si effettuano bonifici all’interno dell’area SEPA non esistono paletti. Per quelli superiori a 15mila euro al di fuori dell’Unione Europea il discorso è leggermente più complicato. È necessario avvisare la banca della natura dell’importo.

Dunque chi possiede un conto deve informarsi su tutte queste situazioni perché al giorno d’oggi si può utilizzare con un semplice click al computer o con un movimento del dito sullo smartphone. Onde evitare danni una sana e corretta informazione preventiva sarebbe sempre piuttosto gradita. Ne va dei risparmi che giustamente ogni cittadino custodisce con cura e scrupolo.