Casa, regolamenti edilizi: c’è una novità che devi assolutamente conoscere se vuoi evitare sanzioni

Governo Italiano e Fisco agiscono di concerto per arginare il fenomeno dell’illegalità non solo per quanto concerne la possibile evasione delle tasse, ma anche per tutto ciò che riguarda il mondo delle abitazioni. Parliamo ancora una volta del complesso e scottante argomento dell’abusivismo edilizio.

Il Fisco stringe le maglie e intensifica i controlli. Nell’ambito della nuova Delega Fiscale si fanno più serrati i controlli in merito alle abitazioni e al rispetto delle regole.

Casa
Adobe Stock

Se da una parte, quindi, il Governo tende una mano ai cittadini per fare da salvagente per le acque agitate della crisi, dall’altra è pronto a lasciarti andare alla deriva se commetti abusi.

In Italia è necessario rispettare le norme ei regolamenti edilizi per eseguire qualsiasi lavoro di costruzione su una proprietà italiana. Ad esempio, in genere sono necessari permessi per costruire un immobile, per aggiungere un ampliamento, per  lavori di ristrutturazione anche di piccoli progetti.

Se non rispetti le regole di costruzione e ristrutturazione, potrebbe esserci un palese caso di violazione del diritto edilizio. Ma chi effettua i controlli?

A seconda della natura e dell’entità del lavoro da svolgere o del lavoro già svolto, potrebbe essere necessario perseguire una delle seguenti opzioni:

  • Bando edilizio: Se si eseguono lavori minori, senza alcun impatto, o con impatto nominale, sulla zonizzazione e sul valore dell’immobile che non alterano in modo sostanziale la superficie dell’immobile, è necessario comunque avvisare il Comune locale dei lavori che devono essere fatto.
  • Permesso di costruire : Se fai lavori più sostanziali hai bisogno di un permesso di costruire. È necessario richiedere un permesso, e deve essere concesso prima di iniziare i lavori .
  • Condono edilizio formale: se inizi i lavori di costruzione o ristrutturazione senza un avviso o un permesso di costruzione, potresti essere in grado di regolarizzare la tua posizione presentando una sanatoria. Presentare un’amnistia formale per l’edilizia (Sanatoria) per aggiornare il regolamento della proprietà. È possibile richiedere un’amnistia edilizia formale quando il lavoro svolto non è in conflitto con norme e regolamenti obbligatori.

Ma c’è un’altra novità sostanziale. Sui controlli edilizi il Fisco prende il sopravvento sull’autorità comunale, lo comunica proprio la nuova Delega Fiscale. Il testo per la delega fiscale va a regolare in modo chiaro la catena di controllo sugli immobili. L’Agenzia delle Entrate agisce in modo molto più repentino e dunque il Fisco ce lo troveremo presto sull’uscio di casa. E non sarà certo per una visita di cortesia.