Fatturazione elettronica, dal 1 Luglio cambia tutto: ecco per chi sarà obbligatoria

Un nuovo gruppo di contribuenti sarà inserito nell’ambito della fatturazione elettronica. Dal 1 luglio 2022 cambia tutto.

I seguenti gruppi avranno l’obbligo di utilizzare le fatture elettroniche. Si tratta di Associazioni sportive dilettantistiche ed enti del terzo settore con ricavi fino a 65.000 euro.
E ancora tocca ai Contribuenti a regime forfettario (regime forfettario).

fattura
Adobe Stock

Dal 2024, le imprese con canone annuo o ricavi annui fino a 25.000 euro dovranno liquidare ed emettere fatture elettroniche con l’SDI.

Ci sarà un breve periodo transitorio, dal 1 luglio 2022 al 30 settembre 2022, durante il quale i contribuenti potranno emettere fatture elettroniche entro il mese successivo all’operazione.

Non ci saranno sanzioni durante questo periodo, ma i contribuenti dovranno aderire alla regola generale di emissione della fattura elettronica di 12 giorni.

Le nuove norme parlano chiaro. La fatturazione elettronica non è più una tendenza, è l’attualità, è il futuro.

Con la diffusione della fatturazione elettronica in aumento in tutto il mondo, arriva una miriade di leggi, mandati e nuovi requisiti di conformità della fatturazione elettronica (fatturazione elettronica).

L’Italia, ad esempio, ha una storia piuttosto forte quando si tratta di regolamenti governativi sulla fatturazione elettronica, che sono in continua evoluzione.

Dal 1° luglio 2022 tutti i piccoli contribuenti (sopra i 25.000 euro di fatturato annuo) dovranno presentare le proprie fatture tramite SdI per l’approvazione elettronica da parte dell’Agenzia delle Entrate. Tuttavia, ci sarà una fase di soft-lancio nel terzo trimestre del 2022 senza penali a condizione che le fatture vengano presentate entro 30 giorni.

Dal 1° gennaio 2024 si uniranno quelli al di sotto della soglia di vendita annuale.

L’Italia estende anche il regime di fatturazione elettronica in tempo reale del Sistema di Interscambio (SdI)

Lo fa per coprire le transazioni transfrontaliere dal 1° luglio 2022 – posticipato dal 1° gennaio 2022. L’Agenzia Entrate italiana ritirerà la dichiarazione trimestrale Esterometro (fatture di vendita e di acquisto transfrontaliere) poiché l’elenco ora sarà ridondante

Il regime forfettario è a disposizione dei contribuenti in possesso di specifici requisiti, consentendo loro di adottare un regime di IVA forfettaria ridotta del 15%, ridotta al 5% per le nuove imprese nel corso dei primi cinque anni. Tali contribuenti sono stati, fino ad oggi, esentati dall’obbligo di emettere fatture elettroniche e liquidarle tramite SDI.

In tutto il mondo, i paesi si stanno orientando sempre più verso la fatturazione elettronica.

Come mai? Perché i vantaggi parlano da soli. La fatturazione elettronica riduce drasticamente i costi di elaborazione di una fattura, diminuisce la probabilità di controversie sulle fatture, elimina gli errori di immissione manuale, aumenta la conformità fiscale.