Pasta, esiste un trucco quando la cucini per abbassare l’indice glicemico

La pasta è un alimento con alto indice glicemico e a sua volta determina l’assunzione della glicemia del nostro corpo in base all’alimento ingerito.

glicemia pasta
Adobe Stock

L’indice glicemico si calcola in base alla cottura dell’alimento, del contenuto di carboidrati e dalle particelle di cibo.

Pasta: stop alla glicemia alta se consumata così

Il diabete e altre patologie come l’obesità derivano dall’assunzione di alimenti ad alto indice glicemico. Gli alimenti a basso indice glicemico, invece, possono prevenire tali malattie e sono fondamentali per mantenere la nostra energia fisica nel corso del tempo.

L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione è la cottura dell’alimento. Se cuciniamo poco i nostri cibi, quest’ultimi saranno digeriti in più tempo dal nostro organismo e di conseguenza la risposta glicemica sarà più bassa, mantenendo l’energia scissa degli alimenti ingeriti per più tempo.

Se cuociamo la pasta, ma anche il riso, al dente (ma anche ortaggi, verdure o tuberi), riusciamo a mantenere più integra la struttura stessa dell’alimento e il suo apporto glicemico sarà nettamente inferiore rispetto ad una cottura più prolungata degli alimenti. Però, se combiniamo questi alimenti con altri nutrienti, gli effetti dell’alto indice glicemico vanno affievolendosi. Ad esempio, se associamo i carboidrati alle proteine, l’indice glicemico presente nel nostro corpo sarà più basso perché i carboidrati non verranno digeriti così velocemente dal nostro corpo.

Un metodo affascinante, e allo stesso funzionante, per consumare la pasta senza alzare troppo il nostro indice glicemico è quello di cucinarla in un certo modo. Una biologa ha scoperto che per consumare la pasta mantenendo un indice glicemico basso è necessario cuocere la pasta al dente, scolarla e dopo farla raffreddare in frigorifero. In seguito si darà una riscaldata in padella in modo che l’amido presente nella pasta sia più resistente, abbassando in questo modo anche il numero di calorie assunte.