50 lire rare e preziose: non ci crederai, ma possono arrivare a un valore di 25mila euro

La lira rappresenta una pietra miliare, una parte della nostra storia il cui ricordo ci suscita nostalgia, a tratti commozione. Parliamo di un periodo che, incastonato come un diamante grezzo e prezioso nella roccia, può essere solo ammirato e non estratto e portato via. In particolare la 50 lire, nelle sue diverse vesti ed epoche, ha rappresentato una delle monete dei nostri momenti indelebili.

La storia è qui, è in una moneta che ci consentiva di comprare un pezzo di pane caldo e non solo: la 50 lire è anche la moneta delle nostre gioventù, quando con pochi soldi o nulla in tasca, sapevamo essere felici. La famosa generazione di quelli che, come dicono i 70enni, 80enni, di oggi, sapeva davvero accontentarsi di poco.

monete
Adobe Stock

Abbiamo ceduto il passo al progresso, l’Euro era la scelta inevitabile per stare al passo coi tempi in un Continente che ci voleva protagonisti di un cambiamento epocale. Certo, la moneta unica, l’Unione Europea, l’abbattimento delle barriere, ma a costo di cambiamenti positivi, certo, ma anche dolorosi che non staremo qui a raccontare ma che tutti hanno nella loro mente.

Oggi parleremo ancora una volta di monete rare, rarissime. Per la gioia dei collezionisti possono valere fino a 25mila euro e in questo caso ci riferiamo proprio a straordinari esemplari di 50 lire.

Una moneta con una grande tiratura è chiaramente di valore inferiore. Minore è stata la sua distribuzione, più forte sul mercato è il suo valore. Un altro aspetto decisivo riguarda lo stato di conservazione di una moneta che deve avere “appeal economico sul mercato”. Una moneta che si trova allo stato Fior di conio o nel miglior stato di conservazione con quasi nessun segno di usura è una moneta chiaramente di valore notevole. Una moneta degna della massima considerazione da parte dei collezionisti.

La prima moneta da 50 lire, lo racconta la storia, fu coniata nel lontano 1950.

La 50 Lire Vulcano stampata nel 1950 è stata riprodotta con all’interno la dicitura “test”, ideata con materiale Acmonital. Le caratteristiche di queste monete rare sono riconducibili al peso di 7,3 grammi e al diametro di 25 mm.

Abbiamo ancora, rarissima sul mercato, la 50 Lire Vulcano stampata nel 1953, anch’essa riporta la dicitura “test” e venne realizzata con materiale Acmonital. Le particolarità sono il peso di 6,18 grammi e un diametro di 21,8 mm.

Secondo i collezionisti, queste monete incredibili, classificate con codici R3 ed R4, possono arrivare a un valore di 25mila euro.