Fotovoltaico, tantissimi bonus in arrivo: quanto puoi risparmiare

Il fondo perduto fotovoltaico 2022 è una novità molto importante volta a favorire le persone che vogliono investire in questa innovativa fonte di energia

Vediamo come funziona, chi può ottenerlo e attraverso quali modalità. Inoltre questo sostengo è utile anche per lo snellimento delle pratiche burocratiche inerenti il fotovoltaico.

fotvoltaico
Adobe Stock

Beneficiare di un finanziamento a fondo perduto è sempre una buona opportunità. Infatti comporta un versamento di denaro, senza obbligo di restituzione del capitale ricevuto. Inoltre il prestito a fondo perduto non comporta la compensazione di tassi di interessi, né necessità della presenza di un garante.

Quindi, possono essere elargiti a tutti coloro che ne fanno richiesta senza nessuna documentazione reddituale preventiva. Tali agevolazioni sono concesse da enti pubblici, dall’Unione Europea, dallo Stato, dalle regioni e dai comuni al fine di incentivare iniziative di carattere imprenditoriale.

Fondo perduto fotovoltaico 2022, come funziona: tutti i dettagli dell’agevolazione

In quest’ultimo periodo spicca in tal senso il contributo a fondo perduto fotovoltaico 2022. Un’idea che nasce dal calo dei costi dei pannelli solari e dall’aumento dei prezzi del gas e dell’energia elettrica. Così, si favorisce un progetto che si pone come obiettivo l’arricchimento dei finanziatori e la creazione di luoghi con impatto positivo sull’ambiente.

Quindi, per incrementare azioni di questo tipo in cui gli investitori spendono denaro per instaurare impianti elettrici fotovoltaici, si è arrivati alla concezione di finanziamenti a fondo perduto per la realizzazione di questi impianti. 

Per poter accedere è necessario ricorrere ad uno strumento piuttosto conosciuto ovvero il bonus ristrutturazioni 50%. Oltre all’implementazione dei pannelli fotovoltaici è anche un bonus di impresa e un fondo perduto perduto progettato per le aziende del sud.

Difatti è stato ideato un credito d’imposta per migliorare l’efficienza energetica e finanziare gli interventi atti ad aumentare l’autoproduzione di energia rinnovabile, nelle aziende dell’Italia meridionale.

È nato inoltre un Fondo rinnovabili per le piccole e medie imprese che ammonta in totale a 267 milioni di euro. I supporti sono destinati alle imprese che necessitano di realizzare impianti fotovoltaici fino a 200 kilowatt di potenza.

Ma non è tutto. Il conto energia prevede un sistema di tariffe che decrescono al crescere della potenza installata. A ciò va aggiunto anche lo snellimento delle lunghe e noiose pratiche burocratiche. Quindi l’installazione di pannelli solari sui tetti delle costruzioni non sarà più legata all’acquisizione di permessi e atti amministrativi, ad eccezione delle zone su cui grava il vincolo di tutela paesaggistica.