Home News Appassionati di astronomia unitevi e munitevi di telescopio: lo spettacolo di giugno...

Appassionati di astronomia unitevi e munitevi di telescopio: lo spettacolo di giugno è da non perdere

Per tutto il mese di giugno, gli appassionati osservatori del cielo potrebbero vedere i cinque pianeti più vicini alla Terra in fila ad occhio nudo. Non si tratta di un vero e proprio allineamento, come chiariscono gli esperti, ma lo spettacolo è comunque da non perdere.

Circa mezz’ora prima dell’alba, Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno sono per così dire più vicini nel loro ordine naturale dal sole che si estende in diagonale partendo dal basso verso est. Il 3 e 4 giugno, la distanza tra Mercurio e Saturno era di soli 91 gradi.

Pianeti fonte google
Pianeti fonte pixabay

“I pianeti spesso si avvicinano e si allontanano l’uno dall’altro, ma questo è solo un ordine particolarmente divertente. È solo una coincidenza, non può essere considerato un allineamento”. Lo ha detto Michelle Thaller, un’astronoma della NASA. “È solo una specie di tour davvero divertente del sistema solare che puoi fare gratuitamente”.

Occhi puntati verso il cielo: lo spettacolo è assicurato

Quando i corpi celesti appaiono vicini tra loro dalla Terra, gli astronomi chiamano lo spettacolo una congiunzione. Le congiunzioni di alcuni pianeti sono abbastanza comuni e si verificano ogni pochi anni circa, ma tutti e cinque i pianeti si allineano solo una volta ogni due decenni.

L’ultima volta che i cinque pianeti si sono allineati è stato nel dicembre 2004 e il prossimo allineamento non avverrà fino al 2040. A causa delle diverse orbite e inclinazioni, tutti gli otto pianeti non saranno mai perfettamente allineati.

Mentre un telescopio o un binocolo possono aiutare a guardare il cielo, i pianeti brilleranno più luminosi delle stelle circostanti e dovrebbero essere facili da individuare ad occhio nudo. Esci circa 30 minuti prima dell’alba e spera in un orizzonte sereno. I cieli più scuri sono migliori, ma i pianeti risalteranno anche sulle luci della città.

“Anche in città, questi sono abbastanza luminosi: dovresti essere in grado di vedere. Sali sul balcone di un amico o sul tetto. Finché puoi ottenere un bel orizzonte limpido e cieli sereni, puoi vederlo “, ha detto Thaller.

Mercurio è il pianeta più difficile da vedere a causa della sua vicinanza al sole. Il piccolo pianeta fioco di solito si perde nel bagliore dell’alba o del tramonto, ma il pianeta viaggerà progressivamente più lontano dal sole con il passare del mese. Thaller, che ha visto Mercury solo una mezza dozzina di volte nella sua intera vita, ha vissuto la sua migliore esibizione vicino alla zona dell’aeroporto internazionale di Dulles.