Beni di rifugio, salvarsi dal crollo della borsa è possibile: cosa fare

Gli investitori e i risparmiatori di tutto il mondo sono spaventati da un probabile ed imminente crollo delle borse. Ecco come difendersi.

inflazione
Adobe Stock

La situazione borsistica attuale sta facendo preoccupare i milioni di risparmiatori in tutto il mondo e in molti stanno cercando delle alternative alla crisi come i cosiddetti beni di rifugio.

L’aumento dei tassi da parte delle banche centrali ha creato grande scompiglio tra i risparmiatori e gli investitori in borsa. Vediamo di capire cosa sta succedendo.

Beni di rifugio: come prepararsi alla crisi

Nel corso degli ultimi due anni, causa pandemia di Covid, tutte le banche centrali hanno portati i tassi a zero per far sì che l’economia reale potesse riprendersi. Ad oggi, però, pare proprio che l’azzeramento dei tassi negli ultimi anni ha portato alla grave crisi inflazionistica che stiamo vivendo oggi in tutto il pianeta.

L’unico modo adesso sembra rialzare i tassi ai livelli pre-pandemia e oltre per permettere un abbassamento immediato dell’inflazione, che sta colpendo tutti i Paesi industrializzati e che sembra non voler cessare. Nonostante le banche centrali abbiano cercato in tutti i modi di evitare un aumento dei tassi, in questo preciso momento storico sembra davvero una soluzione inevitabile.

I tassi in visibile aumento da parte della Federal Reserve ha creato una grande preoccupazione per tutte quelle persone che lavorano in borsa. Dal canto suo, anche la Banca Centrale Europea che nonostante fosse sembrata molto più prudente rispetto alla Federal Reserve riguardo l’aumento dei tassi, si trova costretta a rialzarli. Aumentando i tassi, però, è quasi inevitabile un crollo delle borse internazionali. A Wall Street si parla già di futuri e probabilissimi crolli della borsa con un conseguente fuggi fuggi dei risparmiatori dai mercati borsistici mondiali.

Esistono, però, dei modi per evitare di essere inglobati in questo vortice inflazionistico e uno di questi è quello di rivolgersi ai cosiddetti beni di rifugio. Il bene di rifugio per eccellenza è l’oro ed è possibile approfittare della sua “stabilità” sia possedendolo fisicamente nelle cassette di sicurezza, sia utilizzando strumenti che ne replicano il valore. Ovviamente quest’ultimo metodo è il più indicato per chi non vuole spendere una fortuna acquistando dell’oro vero ma il problema reale è che incredibilmente anche l’oro è a rischio in questo periodo.

Un metodo per difendersi dall’inflazione pensato dai grandi risparmiatori è quello di rivolgersi ai Buoni del Tesoro statali. Quest’ultimi, infatti, risultano essere più redditizi dell’oro e sicuramente meno soggetti a fluttuazioni di mercato imprevedibili. I Bond statali sono quindi il metodo più sicuro per combattere la crisi inflazionistica che sta attraverso il mondo intero in questo periodo storico molto particolare.