Energia rinnovabile, rivoluzione pronta entro il 2030: cosa cambia per i consumatori

L’Unione Europea apre le porte all’energia rinnovabile: è il momento dei pannelli solari a idrogeno da installare su tutte le abitazioni dei cittadini Ue entro il 2030.

Tutto questo accade mentre l’Europa non smette di essere concretamente solidale con il popolo ucraino, schierandosi apertamente da settimane contro la “distruttiva” politica di Putin.

Pannelli solari: il piano della Ue
Energia alternativa, Ue pronta alla rivoluzione

Il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans ha presentato una strategia energetica che mira a “liberare i paesi Ue dalla morsa” del gas russo” il prima possibile, proteggendo al contempo i cittadini da dolorosi e crescenti shock causati dai prezzi dell’energia.  

L’UE deve diventare il prima possibile indipendente dal gas e dal petrolio russi.

L’obiettivo di fondo è distribuire oltre 30 GW, inclusi 1,5 milioni di tetti solari, entro la fine del 2022.

Con le giuste strutture in atto, si potrà mettere a disposizione 1 TW di capacità solare è a portata di mano per l’Europa entro il 2030. La diffusione della “benefica energia solare” in Europa ha superato le aspettative anno dopo anno, emergendo in alcune delle circostanze del mercato più difficili. L’obiettivo della Commissione europea è arrivare a valorizzare la vera potenza del solare e raggiungere solidi traguardi in termini di clima e sicurezza.

Le proposte della Commissione puntano chiaramente al rilancio del ruolo dell’energia solare sui tetti domestici nell’ambito di un vasto piano di ripotenziamento, con l’obiettivo di installare 15 TWh di tetti solari entro la fine del 2022. Oltre all’obiettivo del solare sulle case dei principali paesi Ue, la strategia prevede 420 GW di capacità solare aggiuntiva nei territori dell’Unione entro il 2030, portando, nel prossimo futuro, la totale installazione solare nell’UE ad una cifra 585 GW.  

In risposta alle proposte della Commissione Europea, e in riconoscimento della rinnovata urgenza geopolitica che punta verso l’indispensabile transizione verso le energie rinnovabili, SolarPower Europe ha pubblicato un percorso verso il livello di TW solare in Europa. Il documento presenta informazioni di mercato che delineano la portata realistica dell’espansione solare e stabilisce alcune richieste “politico-strategiche” per arrivarci.

  • Moltiplicare lo sviluppo fotovoltaico sul tetto attraverso il solare obbligatorio sui nuovi edifici, il divieto di caldaie a combustibili fossili e investimenti significativi.
  • Facilitare lo sviluppo su scala di utilità, congelando le tariffe di connessione alla rete e obbligando gli Stati membri a identificare siti solari fotovoltaici adeguati, con l’obiettivo di accelerare gli sviluppi.
  • Aprire la strada a progetti solari e ibridi intelligenti, utilizzando finanziamenti dedicati e una nuova task force della Commissione europea.