Vodafone rimodulazione, ecco cosa cambia dal 20 maggio 2022

Vodafone Italia ha emanato un comunicato nel quale stabiliva le nuove modifiche per alcuni clienti privati di rete mobile

vodafone
Adobe Stock

Il dipartimento di Vodafone Italia ha comunicato ufficialmente lo scorso 19 aprile alcuni cambiamenti che andranno a ripercuotersi su alcuni dei clienti già abbonati al servizio di telefonia mobile

Le nuove modifiche includono alcune offerte che subiranno modifiche di prezzo rispetto alla tariffa pagato in precendenza e sono già attive dallo scorso 20 maggio

Vodafone: le modifiche per i clienti

La comunicazione ufficiale da parte di Vodafone Italia è stata emanata lo scorso 19 aprile attraverso un comunicato ufficiale nel quale si spiegavano le nuove modifiche apportate ad alcune offerte per alcuni già clienti della rete mobile della compagnia. Ecco il comunicato ufficiale:

A partire dal 20 maggio 2022 il costo di alcune offerte di telefonia mobile ricaricabili aumenterà da 0,50 euro a 3 euro al mese. Dal 19 aprile 2022, i clienti Vodafone interessati da questa modifica contrattuale saranno informati nel dettaglio via SMS e potranno ricevere maggiori informazioni chiamando il numero gratuito 42590 o contattando il servizio clienti 190.

A questo si aggiungeranno alcuni servizi gratuiti, come quello della segreteria telefonica, il servizio “chiamami e la possibilità di continuare a chiamare e inviare messaggi nonostante il credito sia terminato.

Un ulteriore aggiunta è quella dei Giga inclusi, visto che questo mondo ormai si svolge più sulla rete internet che nella vita reale, un ulteriore aumento dei giga non può che essere accolto con entusiasmo da tutti i clienti. Inoltre, alcuni pagamenti verranno del tutto eliminati, come ad esempio il costo mensile del piano SIM o le opzioni sms, minuti e giga aggiuntivi, i quali venivano precedentemente pagati separatamente.

I clienti che non volessero accettare le modifiche contrattuali, ai sensi dell’art. 98 septies decies, comma 5 del Decreto legislativo 1° agosto 2003 n. 259, della Delibera 519/15/CONS e delle Condizioni Generali di Contratto, potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore – continua il comunicato – mantenendo il proprio numero, senza penali né costi di disattivazione entro 60 giorni dalla ricezione dell’SMS, specificando come causale del recesso “Modifica delle condizioni contrattuali”.

“Il diritto di recesso potrà essere esercitato su voda.it/disdettalineamobile, nei negozi Vodafone, inviando una raccomandata A/R a Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10015 Ivrea (TO), scrivendo via PEC a disdette@vodafone.pec.it o chiamando il Servizio Clienti al numero 190 oppure 42590, specificando la causale sopraindicata.”

Nel caso che a queste offerte fossero associati dispositivi, costi d’attivazione o rate residue, il tutto verrà pagato con lo stesso metodo di pagamento e con la stessa cadenza di quanto precedentemente indicato oppure il cliente può richiedere la risoluzione in unica rata.

Queste modifiche, spiega Vodafone Italia, sono parte di un’iniziativa atta a rendere più trasparenti le politiche aziendali e di rispondere ai bisogni de propri clienti.