Caro aerei, Codacons lancia l’allarme: quanto spenderemo per spostarci

Brutte notizie per chi ama viaggiare verso destinazioni lontane: bisognerà fare i conti con il caro aerei. A dare l’annuncio è stato il Codacons

Il tutto è frutto della situazione a livello globale che sta portando a continui e numerosi aumenti di prezzo. Vediamo nel dettaglio la situazione degli aerei.

Caro aerei
Fonte Pixabay

Il 2022 sta lasciando in dote diversi rincari che stanno avendo degli effetti piuttosto negativi sulle tasche dei cittadini. Oltre ai casi già rinomati e certificati riguardanti alcuni prodotti alimentari, i carburanti e le bollette, adesso si aggiungono anche gli aerei.

A denunciare il fenomeno è stato il Codacons, secondo cui chi vorrà spostarsi con il suddetto mezzo per raggiungere mete europee, dovrà mettere mano al portafogli e pagare le tariffe praticamente raddoppiate rispetto allo scorso. 

Caro aerei, prezzi alle stelle: tutti i dettagli di questa incresciosa situazione

Tra i fattori scatenanti c’è senz’altro il rinnovato entusiasmo nello spostarsi dopo anni di restrizioni. L’associazione dei consumatori ha rielaborato i dati forniti dall’Istat e da ciò è emerso che nell’ultimo mese i biglietti dei voli europei hanno subito un incremento del +91% rispetto al medesimo periodo del 2021. Per quelli intercontinentali il rincaro è del +35,7% mentre il prezzo di quelli nazionali risulta in crescita del 15,2%.

Un aumento generale dovuto anche alla crescita dei prezzi dei carburanti e alle conseguenze del caro bollette. Ma non finisce qui. Il Codacons ha registrato delle maggiorazioni anche sul versante dei trasporti marittimi. Rispetto ad un anno fa si evince un +19,4%. Non proprio una percentuale di poco conto.

Tornando agli aerei facendo qualche esempio di quanto si potrebbe spendere, dei voli di andata e ritorno per Parigi dal 10 al 12 luglio (con partenza da Roma Fiumicino) in classe economy comporta un esborso di 355 euro.

Da Milano Malpensa a Lisbona si parte invece da 364 euro. Un Roma-Londra invece costerà 399 euro mentre con partenza da Linate si scende a 271 euro. A seguire Roma-Madrid 240 euro e alcune tratte nazionali come Roma-Milano 128 euro (andata e ritorno).

In quest’ultimo caso molto meglio optare per il treno che con 79,80 euro consente lo spostamento anche in tempi non lunghissimi. Questo perché in un vortice di notizie negative, ce n’è anche una piuttosto incoraggiante: i prezzi dei biglietti ferroviari sono scesi quasi del 10%.