Tragedia dopo la terza dose, l’autopsia per accertare le cause

Un uomo è deceduto dopo aver effettuato la terza dose del vaccino anti-Covid. La famiglia si è già rivolta ad un legale per chiarire la vicenda

La comunità locale si è stretta intorno ai familiari dopo il tragico avvenimento. L’uomo era piuttosto conosciuto visto che era titolare di un bar.

Vaccino
Fonte Adobe Stock

Morire dopo il vaccino anti-covid. Si tratta di un dilemma che sta accompagnando i cittadini di tutto il mondo da quando sono arrivati gli “antidoti” contro il virus. Si tratta di una tematica piuttosto delicata, dove ogni considerazione non ponderata nel giusto modo può essere pericolosa.

Naturalmente quando i decessi di verificano pochi giorni dopo la somministrazione il sospetta aumenta. Nonostante il numero dei vaccinati sia sempre più in calo qualche episodio di questo tipo ancora si verifica.

Decesso in seguito al vaccino: ecco cosa è successo

In Toscana si è registrato un caso analogo in seguito all’inoculazione della terza dose ad uomo under 50. Un particolare che rende il tutto ancor più sconvolgente vista l’età non propriamente avanzata.

Solo l’autopsia però può dire qualcosa in più e se esiste o meno una concreta correlazione. Nel frattempo la famiglia completamente sotto shock si è rivolta ad un legale e contestualmente ad un medico legale per tutelare i propri interessi.

I compaesani si sono stretti intorno a loro in un momento di grandissimo dolore visto che la persona deceduta è piuttosto nota nella zona circostante. Per questo i familiari della persona scomparsa hanno deciso di ringraziare pubblicamente tutti per il sostegno ricevuto in un momento di grandissimo dolore.

Una storia decisamente analoga a quella di un 70enne di Biella, la cui morte è avvenuta pochi giorni dopo la seconda dose di vaccino. Destini avversi che purtroppo non si possono più cambiare. È giusto però capire cosa sia realmente accaduto per evitare che in futuro ci si debba ritrovare nuovamente a risolvere questi “enigmi”.

In ogni caso dal 15 giugno 2022 (fino a nuovo ordine), il vaccino sarà una scelta libera e personale, dopo aver consultato il proprio medico o anche altri nel caso in cui ce ne fosse bisogno. Meglio non tralasciare nessun particolare.